APPARTAMENTO GIOCHI DI VOLUMI (Milano) - Marina MAGGIULLI architetto

In questo appartamento la progettazione è stata orientata a realizzare spazi che fossero investiti di luce sia naturale che artificiale, con la scelta di un elemento di grande design ed estrema versatilità.

Il cartongesso offre soluzioni dinamiche ed innovative per rendere ogni ambiente originale ed unico, sicuramente con una spesa contenuta ed una tempistica ridotta.Le lastre di cartongesso vengono ormai utilizzate sia per realizzare plafoni dai giochi più imprevisti a contropareti funzionali ad ogni tipo di utilizzo.

Questo tipo di soluzione viene utilizzata con maggiore forza progettuale negli appatamenti dove è necessario dare luce e profondità.In questo appartamento dalle dimensioni molto ridotte e con un'unica finestratura a nord, il ruolo dei controsoffitti e degli incastri di volumi è diventato l'elemento cardine del progetto, disegnando il perimetro a soffitto della zona living e del corner kitchen. 



La grande capacità del cartongesso di assolvere come materiale costruttivo a secco a molteplici funzioni ha permesso di compiere uno studio preliminare dei colori in cui il cartongesso diventa elemtno di materializzazione del colore,
L'eseguità degli spazi ha portato l'idea progettuale verso la scelta di colori molto forti in diverse tonalità e diifferenti forme.







La scelta si è orientata verso un sistema misto di volumi a doppia altezza con perimetrazione di luci LED, che rendono tutto l'appartamento luminoso e dinamico.
Un continuo rincorrersi di fasce e tagli luminosi che impreziosiscono le zone dell'appartamento, riconoscendone la funzione.

La composizione del cartongesso ed il suo grande utilizzo è dovuto alla presenza in Italia di tante cave di gesso che permettono la produzione di questi pannelli;gli stessi sono racchiusi tra due fogli di cartone e solitamente viene venduti sotto forma di lastre dalle misure standard.
I pannelli in cartongesso che comunemente si trovano nei centri di bricolage sono venduti con misure standard di 1,2x2m, con uno spessore di 12,5mm.
Normalmente la larghezza è sempre invariata (1,20m) mentre la lunghezza arriva fino a 4 metri e lo spessore fino a 20mm.
Esistono diverse tipologie di pannelli in cartongesso (regolati dalla normativa UNI - 11424/2011) con caratteristiche che rispondono a diverse esigenze nel mondo dell’edilizia. Nello specifico, possiamo distinguere tra 4 tipi di pannelli in cartongesso che sono identificati ognuno con una lettera diversa:
  • Il pannello in cartongesso standard (lettera A): è il più semplice, economico e utilizzato tra le 4 classi di pannelli in cartongesso e viene utilizzato per pareti controsoffitti ma sopratutto per costruire mobili in cartongesso. La semplicità del pannello in cartongesso standard lo rende facilmente modellabile e veloce da installare, considerando che il peso è di circa 7 kg per metro quadro.
  • I pannelli in cartongesso idrorepellenti (lettera H, a cui viene associato un numero in base alla capacità di assorbimento dell’acqua, quindi H1, H2, H3 ecc): i pannelli in cartongesso idrorepellenti sono ideali in ambienti in cui c’è molta umidità (bagno, cucina ecc). il rivestimento in materiale resistente all’acqua, rende il cartongesso immune da ogni tipo di danno. Lo spessore dei pannelli in cartongesso idrorepellenti è di 13mm e pesano 10 kg al metro quadro.
  • I pannelli in cartongesso ignifughi (lettera F): il materiale per la realizzazione dei pannelli in cartongesso ignifughi è lavorato con gesso emidrato e rinforzato con fibra di vetro che impedisce al fuoco di attaccare il pannello. Generalmente i pannelli in cartongesso ignifughi si usano pepareti rivestimenti di camini che per ragioni di sicurezza, sono preferibili se realizzati con pannelli ignifughi in modo che i corridoi di fuga siano immuni alle fiamme.





0 commenti:

Posta un commento

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | cheap international calls