REM KOOLHAAS ALLA GUIDA DELLA PROSSIMA BIENNALE DI ARCHITETTURA 2014



Dopo il Leone D'Oro alla Biennale di Architettura del 2010 e il premio Pritzker ricevuto nel 2000, il CdA della Biennale di Architettura di Venezia ha deciso di affidare a Rem Koolhaas l'importante compito di guidare la 14 Mostra Internazionale di Architettura che si terra' dal 7 giugno al 23 novembre del 2014 a Venezia, nella sede ormai storica  e ad essa deputata dell'Arsenale.
Il commento dell'architetto e  teorico del postmodernismo  e' stato:

"Vogliamo dare uno sguardo nuovo agli elementi fondamentali dell'architettura - utilizzati da qualsiasi architetto, ovunque e in qualsiasi momento - per vedere se siamo in grado di scoprire qualcosa di nuovo sull'architettura "


La notizia che Koolhaas sara' alla guida di questo grande evento e' stata accolta in maniera molto entusiasta sia tra i committenti tra cui e' conteso, sia tra gli accademici che ne esaltano ormai le teorie nonche' tra gli studenti che lo osannano come un rivoluzionario della cosa costruita.
Sicuramente le aspettative sono molto alte, non fosse per altro per la fama che l'architetto ha saputo costruire intorno a se e alle sue teorie che gli hanno fatto raggiungere la tiratura di bookseller e non solo di semplice esponente dell'archistar system.
E' riuscito da sempre ad interpretare le fasi storiche traducendole in prodotto costruito, sostenitore della complessita' degli elementi quando si era in tema di postmodernismo, di trasparenza quando c'era bisogno di leggerezza,  si e' fatto portavoce dell'architettura diagrammatica quando si lottava a favore del neofunzionalismo e dell'antimonumentalismo.

Dopo un lungo e giusto periodo di riflessione da parte dell'architetto su quelle che saranno le linee guida della prossima mostra, finalmente il 25 gennaio e' stato svelato il tema che sottendera' all'intera mostra.

FUNDAMENTALS, questo e' il punto di partenza di tutte le riflessione intorno a quello che sara' l'evento, come ha dichiarato lo stesso Koolhaas: 
"Sarà una Biennale sull'architettura. Nessuna celebrazione del contemporaneo ma ci concentreremo sulla storia e sull'evoluzione delle architetture nazionali degli ultimi 100 anni"
La Fondazione della Biennale spiega la volonta' di dare una nuova immagine ed un nuovo impulso alla Biennale che da sempre si propone come uno dei piu' importanti eventi di Architettura a livello mondiale.
Si tentera' di portare avanti un progetto-ricerca per cui vengano riportati alla luce quei caratteri fondamentali dell'architettura che costituiscono patrimonio dell'umanita' in quanto diretta espressione della stessa.
Sara' una mostra ricerca organizzata  in tre settori: all'Arsenale si portera' avanti un lavoro incentrato solo sull'Italia, al Padiglione Centrale  verra' raccontata la storia degli elementi architettonici (pavimenti, soffitti, porte) mettendo a confronto il soffitto della Sistina con quello di un appartamento moderno, arrivando a definire le materie prime dell'architettura.

"Nella terza parte racconteremo, insieme ai rappresentanti dei diversi paesi, lo stato della disciplina: ho chiesto a ciascun paese di portare in mostra una sola storia con una cornice su cosa è successo dal 1914 al 2014. Definiremo cosi cos'è la modernità in architettura - ha aggiunto - descrivendo l'evoluzione negli ultimi cent'anni. Cent'anni fa c'era l'architettura italiana, svizzera.. perchè ora produciamo quasi sempre le stesse cose? Ci interrogheremo su questo. Cerchemo di capire quando e perchè l'architettura diventata internazionale".

1 commenti:

Đào Quân ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Posta un commento

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | cheap international calls